Print

Afghanistan: Il «fuoco amico» del bombardiere nucleare
Par Manlio Dinucci
Mondialisation.ca, 16 juin 2014
ilmanifesto.it
Url de l'article:
https://www.mondialisation.ca/afghanistan-il-fuoco-amico-del-bombardiere-nucleare/5387154

La notizia che 5 soldati Usa sono stati uccisi da «fuoco amico» in Afghanistan è molto più significativa di quanto apparso sui media. Si è evitato infatti di dire che i cinque – non semplici soldati ma membri delle forze speciali (quelle che operano oggi nella guerra coperta in Afghanistan) – sono stati uccisi per errore da un bom-bardiere B-1 da loro stessi chiamato per distruggere una postazione nemica. Il B-1 Lancer, prodotto negli anni ’80 in cento esemplari,  è un bombardiere stealth da at-tacco nucleare, capace di volare senza rifornimento per oltre 12mila km. Con la fine della guerra fredda, 68 sono stati convertiti per tra-sportare anche armi non-nucleari, in particolare bombe a grappolo, bombe a guida Gps e missili cruise. Usato per bombardare l’Iraq nel 1998 e la Jugoslavia nel 1999, il B-1 è stato massicciamente impiegato in Af-ghanistan dal 2001 e in Iraq dal 2003. In un video su YouTube (B-1B Lancer Dropping Cluster Bombs, 8 nov. 2011), si può vedere mentre sgancia bombe a grappolo su un villaggio afghano.

Dato che i B-1B Lancer possono trasportare anche bombe e missili nucleari, il loro uso in una azione belli-ca reale permette di migliorarne l’efficienza anche per un eventuale impiego in un attacco nucleare. Lo stesso avviene con i bombardieri strategici Usa B-2 Spirit: con-cepiti per l’attacco nucleare, sono stati usati con armi non-nucleari nelle guerre contro la Jugoslavia, l’Iraq e la Libia. Due B-2 Spirit sono giunti domenica dagli Usa nella base inglese di Fairford, unendosi a tre fortezze volanti B-52. «Lo schieramento in Europa di bombardie-ri strategici Usa – ha dichiarato l’ammiraglio Haney, ca-po del Comando strategico – rafforzerà l’interoperabilità con i nostri alleati». Compresa l’Italia, diligente custode di bombe nucleari Usa.

Manlio Dinucci

Avis de non-responsabilité: Les opinions exprimées dans cet article n'engagent que le ou les auteurs. Le Centre de recherche sur la mondialisation se dégage de toute responsabilité concernant le contenu de cet article et ne sera pas tenu responsable pour des erreurs ou informations incorrectes ou inexactes.