Print

Dietro quelle foto di bambini
Par Manlio Dinucci
Mondialisation.ca, 14 septembre 2015
ilmanifesto.info 7 septembre 2015
Url de l'article:
https://www.mondialisation.ca/dietro-quelle-foto-di-bambini/5476070

Quando i bam­bini sono arri­vati al campo estivo, in una zona boscosa presso Kiev, hanno rice­vuto una bella T-shirt gialla su cui sono stam­pate due sagome di bam­bini armati di fucile, con l’emblema del bat­ta­glione Azov rical­cato da quello delle SS Das Reich, e sullo sfondo il «Sole Nero» del misti­ci­smo nazista.

I bam­bini (anche di 6 anni) e ragazzi che hanno fre­quen­tato il campo a gruppi di 30–40 – riporta il quo­ti­diano Kiev Post – «non hanno gio­cato ai sol­dati, ma hanno rice­vuto un reale adde­stra­mento mili­tare da istrut­tori del bat­ta­glione Azov». Ossia dai neo­na­zi­sti che hanno com­piuto atro­cità con­tro i civili di nazio­na­lità russa nell’Ucraina orientale.

Que­sto e altri bat­ta­glioni neo­na­zi­sti fanno parte della Guar­dia nazio­nale ucraina, legata da una part­ner­ship con la Guar­dia nazio­nale della Cali­for­nia e adde­strata da istrut­tori sta­tu­ni­tensi e bri­tan­nici per con­durre l’«operazione anti-terrorismo» nel Don­bass. Il campo estivo costi­tui­sce il primo sta­dio del reclu­ta­mento di bam­bini sol­dato, scrive Michel Chos­su­do­v­sky in un docu­men­tato arti­colo cor­re­dato da foto (v. www.globalresearch.ca/). Oltre che a spa­rare, ai bam­bini inse­gnano a odiare: «Ucci­de­remo tutti i russi», giura uno di loro.

La foto di un bam­bino ucraino la cui vita è bru­ciata dal «Sole Nero» nazi­sta non è meno tre­menda di quella del bam­bino siriano la cui vita si è spenta nel Medi­ter­ra­neo. Imma­gine, quest’ultima, che secondo la favola cor­rente avrebbe toc­cato il cuore dei mas­simi espo­nenti di quei governi respon­sa­bili delle guerre e dei con­se­guenti ter­re­moti sociali pro­vo­cati negli ultimi decenni dalla stra­te­gia Usa/Nato.

Guerre ed embar­ghi – dall’Iraq alla Jugo­sla­via, dall’Afghanistan alla Pale­stina, dalla Libia alla Siria e all’Ucraina – hanno pro­vo­cato la morte di milioni di bam­bini (mezzo milione solo quelli uccisi dai dieci anni di embargo con­tro l’Iraq). Le loro foto non sono state però dif­fuse dai grandi media. E alle pic­cole vit­time si aggiun­gono i bam­bini edu­cati a odiare e ucci­dere da movi­menti, come l’Isis e i bat­ta­glioni neo­na­zi­sti ucraini, alla cui for­ma­zione hanno con­tri­buito in modo deter­mi­nante gli Usa e le potenze euro­pee per scar­di­nare dall’interno interi Stati.

Si narra che il governo bri­tan­nico abbia deciso di acco­gliere 15mila pro­fu­ghi siriani per­ché com­mosso dalla foto del pic­colo siriano morto. Con­tem­po­ra­nea­mente, però, lo stesso governo ha annun­ciato di voler otte­nere il via libera dal par­la­mento per una azione mili­tare «con­tro il mal­va­gio regime di Assad e l’Isis». E il mini­stro degli esteri Gen­ti­loni ha annun­ciato che, di fronte al dramma dei pro­fu­ghi, sta per ini­ziare la seconda fase della mis­sione EuNa­v­For­Med  «con­tro i traf­fi­canti di essere umani», il cui obiet­tivo finale è in realtà l’occupazione mili­tare delle aree costiere libi­che stra­te­gi­ca­mete ed eco­no­mi­ca­mente più importanti.

L’esodo dei pro­fu­ghi verso l’Europa, pro­vo­cato dalle guerre, viene così usato a fini stra­te­gici: da Washing­ton per met­tere sotto pres­sione i paesi euro­pei raf­for­zando l’influenza sta­tu­ni­tense in Europa, usata come prima linea con­tro la Rus­sia e base di lan­cio delle ope­ra­zioni mili­tari Usa/Nato in Medio­riente e Nor­da­frica; dalle mag­giori capi­tali euro­pee per pre­pa­rare l’opinione pub­blica ad altre guerre spac­ciate per «mis­sioni uma­ni­ta­rie di pace».

Senza la con­sa­pe­vo­lezza poli­tica delle cause reali e pos­si­bili solu­zioni di tale esodo, può essere stru­men­ta­liz­zato anche il soste­gno uma­ni­ta­rio che molti cit­ta­dini euro­pei danno ai pro­fu­ghi, e pos­sono essere usati gli stessi pro­fu­ghi quale massa di mano­vra nei con­fronti dei paesi di pro­ve­nienza. E altri bam­bini mori­ranno, quasi tutti senza foto.

Manlio Dinucci

Avis de non-responsabilité: Les opinions exprimées dans cet article n'engagent que le ou les auteurs. Le Centre de recherche sur la mondialisation se dégage de toute responsabilité concernant le contenu de cet article et ne sera pas tenu responsable pour des erreurs ou informations incorrectes ou inexactes.