Print

Il Califfato voluto dagli Usa
Par Manlio Dinucci
Mondialisation.ca, 29 mai 2015
ilmanifesto.info
Url de l'article:
https://www.mondialisation.ca/il-califfato-voluto-dagli-usa/5452520

Men­tre lo Stato isla­mico occupa Ramadi, la seconda città dell’Iraq, e il giorno dopo Pal­mira nella Siria cen­trale, ucci­dendo migliaia di civili e costrin­gen­done alla fuga decine di migliaia, la Casa Bianca dichiara: «Non ci pos­siamo strap­pare i capelli ogni volta che c’è un intoppo nella cam­pa­gna con­tro l’Isis» (The New York Times, 20 maggio).

La cam­pa­gna mili­tare, «Inhe­rent Resolve», è stata lan­ciata in Iraq e Siria oltre nove mesi fa, l’8 ago­sto 2014, dagli Usa e loro alleati: Fran­cia, Gran Bre­ta­gna, Canada, Austra­lia, Ara­bia Sau­dita, Emi­rati Arabi Uniti, Bah­rain e altri. Se aves­sero usato i loro cac­cia­bom­bar­dieri come ave­vano fatto con­tro la Libia nel 2011, le forze dell’Isis, muo­ven­dosi in spazi aperti, sareb­bero state facile ber­sa­glio. Esse hanno invece potuto attac­care Ramadi con colonne di auto­blindo cari­che di uomini ed esplosivi.

Gli Usa sono dive­nuti mili­tar­mente impo­tenti? No: se l’Isis sta avan­zando in Iraq e Siria, è per­ché a Washing­ton vogliono pro­prio que­sto. Lo con­ferma un docu­mento uffi­ciale dell’Agenzia di intel­li­gence del Pen­ta­gono, datato 12 ago­sto 2012, dese­cre­tato il 18 mag­gio 2015 per ini­zia­tiva del gruppo con­ser­va­tore «Judi­cial Watch» nella com­pe­ti­zione per le pre­si­den­ziali. Esso riporta che «i paesi occi­den­tali, gli stati del Golfo e la Tur­chia sosten­gono in Siria le forze di oppo­si­zione che ten­tano di con­trol­lare le aree orien­tali, adia­centi alle pro­vince ira­chene occi­den­tali», aiu­tan­dole a «creare rifugi sicuri sotto pro­te­zione internazionale».

C’è «la pos­si­bi­lità di sta­bi­lire un prin­ci­pato sala­fita nella Siria orien­tale, e ciò è esat­ta­mente ciò che vogliono le potenze che sosten­gono l’opposizione, per iso­lare il regime siriano, retro­via stra­te­gica dell’espansione sciita (Iraq e Iran)». Il docu­mento del 2012 con­ferma che l’Isis, i cui primi nuclei ven­gono dalla guerra di Libia, si è for­mato in Siria, reclu­tando soprat­tutto mili­tanti sala­fiti sun­niti che, finan­ziati da Ara­bia Sau­dita e altre monar­chie, sono stati rifor­niti di armi attra­verso una rete della Cia (docu­men­tata, oltre che dal New York Times, da un rap­porto di «Con­flict Arma­ment Research»). Ciò spiega l’incontro nel mag­gio 2013 (docu­men­tato foto­gra­fi­ca­mente) tra il sena­tore Usa John McCain, in mis­sione in Siria per conto della Casa Bianca, e Ibra­him al-Badri, il «califfo» a capo dell’Isis.

Spiega anche per­ché l’Isis ha sca­te­nato l’offensiva in Iraq nel momento in cui il governo dello sciita al-Maliki pren­deva le distanze da Washing­ton, avvi­ci­nan­dosi a Pechino e Mosca. Washing­ton, sca­ri­cando la respon­sa­bi­lità della caduta di Ramadi sull’esercito ira­cheno, annun­cia ora di voler acce­le­rare in Iraq l’addestramento e arma­mento delle «tribù sunnite».

L’Iraq sta andando nella dire­zione della Jugo­sla­via, verso la disgre­ga­zione, com­menta l’ex segre­ta­rio alla difesa Robert Gates. Lo stesso in Siria, dove Usa e alleati con­ti­nuano ad adde­strare e armare mili­ziani per rove­sciare il governo di Dama­sco. Con la poli­tica del «divide et impera», Washing­ton con­ti­nua così ad ali­men­tare la guerra che, in 25 anni, ha pro­vo­cato stragi, esodi, povertà, tanto che molti gio­vani hanno fatto delle armi il loro mestiere.
Un ter­reno sociale su cui fanno presa le potenze occi­den­tali, le monar­chie loro alleate, i «califfi» che stru­men­ta­liz­zano l’Islam e la divi­sione tra sun­niti e sciiti. Un fronte della guerra, al cui interno vi sono diver­genze sulla tat­tica (ad esem­pio, su quando e come attac­care l’Iran), non sulla stra­te­gia. Armato dagli Usa, che annun­ciano la ven­dita (per 4 miliardi di dol­lari) all’Arabia Sau­dita di altri 19 eli­cot­teri, per la guerra nello Yemen, e a Israele di altri 7400 mis­sili e bombe, tra cui quelle anti-bunker per l’attacco all’Iran.

Manlio Dinucci

Avis de non-responsabilité: Les opinions exprimées dans cet article n'engagent que le ou les auteurs. Le Centre de recherche sur la mondialisation se dégage de toute responsabilité concernant le contenu de cet article et ne sera pas tenu responsable pour des erreurs ou informations incorrectes ou inexactes.