Print

Il «prestigio» dell’Italia
Par Manlio Dinucci
Mondialisation.ca, 03 février 2015
ilmanifesto.info
Url de l'article:
https://www.mondialisation.ca/il-prestigio-dellitalia/5430741

Non poteva aprirsi meglio il 2015 per quell’Italia che basa sulle mis­sioni mili­tari «il suo rin­no­vato pre­sti­gio» (come soste­nuto dal pre­si­dente Napo­li­tano). «Grande apprez­za­mento» per l’impegno ita­liano sui vari fronti di guerra è stato espresso nien­te­meno che dal gene­rale Mar­tin Demp­sey, la mas­sima auto­rità mili­tare Usa, negli incon­tri con il capo di stato mag­giore della Difesa, ammi­ra­glio Luigi Binelli Man­telli, e con il mini­stro della Difesa Roberta Pinotti. Subito dopo l’ammiraglio Man­telli ha preso parte a Bru­xel­les agli incon­tri tra i capi di stato mag­giore della Difesa dei 28 paesi Nato, incen­trati sulle «situa­zioni di crisi nei fian­chi est e sud dell’Alleanza», sul «futuro della mis­sione Reso­lute Sup­port in Afgha­ni­stan» e sulla messa a punto del «Rea­di­ness Action Plan per garan­tire le capa­cità di rispo­sta rapida e deter­mi­nata alle nuove minacce alla sicu­rezza dell’Alleanza».

L’impegno dell’Italia è a tutto campo. Sul «fianco est», cac­cia­bom­bar­dieri ita­liani Euro­fighter 2000 Typhoon (gli stessi usati nella guerra Nato con­tro la Iugo­sla­via), sono stati schie­rati in Litua­nia, da dove hanno effet­tuato la loro prima mis­sione inter­cet­tando un aereo russo che volava sul Bal­tico. Sul «fianco sud», dopo aver par­te­ci­pato alla guerra Nato con­tro la Libia, l’Italia par­te­cipa all’intervento mili­tare in Siria, effet­tuato dalla coa­li­zione inter­na­zio­nale a guida Usa, e a quello in Iraq dove, nel qua­dro della stessa coa­li­zione, ha inviato aerei, droni, armi e istruttori.

Sem­pre più pre­sente l’Italia anche nel Golfo per­sico, in par­ti­co­lare attra­verso la part­ner­ship mili­tare con il Qatar e il Kuwait, i cui piloti ven­gono adde­strati a Gala­tina dall’aeronautica ita­liana. Navi mili­tari ita­liane par­te­ci­pano a tutte le ope­ra­zioni Nato, dal Medi­ter­ra­neo (per «garan­tire la sicu­rezza») all’Oceano Indiano (per «la cac­cia ai pirati»). Sem­pre sul «fianco sud», l’Italia si è spinta in pro­fon­dità nell’Africa sub­sa­ha­riana, par­te­ci­pando all’esercitazione Flin­tlock 2015, orga­niz­zata dalle Forze spe­ciali del Comando Africa degli Stati uniti, che ini­zierà in Ciad il 16 feb­braio, esten­den­dosi a Niger, Nige­ria e Came­run e, a nord, fino in Tunisia.

In Afgha­ni­stan, dove la mis­sione Nato «Isaf» è stata tra­sfor­mata in mis­sione Nato «Reso­lute Sup­port», l’Italia con­ti­nuerà a ope­rare mili­tar­mente con aerei da tra­sporto C-130 J e da guerra elet­tro­nica EC-27 della 46a Bri­gata aerea di Pisa, veli­voli a pilo­tag­gio remoto Pre­da­tor del 32° stormo di Amen­dola e, ancor più di prima, con forze spe­ciali, oggi poten­ziate dalla nascita del comando uni­fi­cato a Pisa. L’Italia par­te­cipa allo stesso tempo al «Rea­di­ness Action Plan», che poten­zia la capa­cità Nato di pro­iet­tare forze mili­tari sia verso est (con la moti­va­zione della «minac­cia russa») che verso sud (con la moti­va­zione della «guerra al ter­ro­ri­smo», ali­men­tato dalla stessa Nato). In tale qua­dro, le basi Usa/Nato in Ita­lia svol­gono un ruolo di fon­da­men­tale importanza.

Tutto ciò com­porta per l’Italia una cre­scente spesa mili­tare, diretta e indi­retta. Secondo la Nato, essa ammonta oggi in media a 52 milioni di euro al giorno, secondo il Sipri a 72 milioni che, in base all’impegno assunto dall’Italia di por­tarla al 2% del pil, dovranno salire a quasi 100 milioni al giorno.

Per assi­cu­rare non la difesa dell’Italia, ma la sua par­te­ci­pa­zione a una stra­te­gia aggres­siva. Dato che la spe­ranza è l’ultima a morire, non resta che spe­rare che il con­cetto di pre­sti­gio nazio­nale del nuovo Pre­si­dente della Repub­blica si basi non sulla guerra, ma sul ripu­dio della guerra come san­ci­sce la nostra Costituzione.

Manlio Dinucci,  

Avis de non-responsabilité: Les opinions exprimées dans cet article n'engagent que le ou les auteurs. Le Centre de recherche sur la mondialisation se dégage de toute responsabilité concernant le contenu de cet article et ne sera pas tenu responsable pour des erreurs ou informations incorrectes ou inexactes.