La nuova catastrofe del business atomico

FUKUSHIMA Il reattore n. 3 esploso è alimentato da Mox, misto di ossidi d'uranio e plutonio

Riguardo al nucleare, «spiegherò ai cittadini che si può fare in sicurezza e che non è giusto avere paura: garantire la sicurezza di un reattore nucleare è obiettivo non difficile»: così dichiarava il 3 marzo in una intervista alla Stampa il prof. Umberto Veronesi, appena dimessosi dal gruppo Pd del Senato per assumere la carica di presidente dell’Agenzia per la sicurezza nucleare. Una settimana dopo la catastrofe nucleare in Giappone, le cui conseguenze possono essere molto più gravi di quelle prospettate.

Il reattore n. 3 della centrale di Fukushima, esploso lunedì, è infatti alimentato da combustibile Mox, un misto di ossidi di uranio e plutonio, molto più radioattivo del combustibile all’uranio. Esso aumenta i rischi di incidenti nucleari e, in caso di fuoriuscita, è estremamente più dannoso. Una contaminazione da Mox causa livelli molto più alti di tumori. Basti pensare che il plutonio, dati i tempi di dimezzamento, resta pericoloso per 250mila anni. Questa nuova catastrofe conferma, con drammatica evidenza, che la via del nucleare è impraticabile.

I 442 reattori elettronucleari, in funzione nel mondo, sono concentrati per oltre i tre quarti in diciassette paesi dell’Ocse economicamente più sviluppati: in testa gli Stati uniti con 104 reattori, seguiti da Francia (59) e Giappone (54). Gli altri si trovano soprattutto in Russia (31), India (18), Ucraina (15), Cina (11). Complessivamente essi generano appena il 6% della produzione mondiale di energia primaria e circa il 15% di quella di elettricità.

La costruzione di reattori elettronucleari, dopo aver raggiunto il culmine negli anni ’70 e ’80, si è praticamente fermata nei paesi più sviluppati: dei 55 nuovi reattori solo uno è in costruzione negli Usa, la maggior parte si concentra in Cina, Russia e India. Anzitutto perché l’energia elettronucleare è sempre meno competitiva. Al prezzo pagato dai cittadini, si aggiunge un 30% che essi pagano indirettamente attraverso il denaro pubblico dato alle società private del settore elettronucleare. E i costi di costruzione delle centrali sono quasi raddoppiati nell’ultimo decennio.

Vi è poi il problema di dove stoccare le oltre 300mila tonnellate di scorie radioattive, in crescita ogni anno di 10mila t, che restano pericolose per secoli e millenni. Per Veronesi «ci sono le soluzioni per farlo, dentro una montagna o a grandi profondità». Nessun paese ha invece trovato la soluzione: negli Usa il senato ha rinunciato nel 2009, per ragione di costi e sicurezza, al deposito sotterraneo nel Monte Yucca (Nevada), dopo 25 anni di lavori e una spesa di 13,5 miliardi di dollari. E altri materiali radioattivi si accumulano quando, dopo 30-40 anni (non 60-100 come sostiene Veronesi), l’intera centrale deve essere smantellata.

Poiché il costo dello smantellamento e della decontaminazione del sito (circa un miliardo di dollari negli Usa) è in continuo aumento, le società private che gestiscono le centrali chiedono ai governi l’autorizzazione a prolungarne l’attività. Ciò comporta però più alte spese di manutenzione e maggiori rischi di guasti e incidenti: il reattore n. 1 della centrale di Fukushima, esploso sabato, aveva raggiunto i 40 anni di attività. Entro il 2020, oltre 150 reattori elettronucleari avranno raggiunto o superato questo limite. Entro il 2030, se ne aggiungeranno oltre 200, che per essere smantellati richiederanno altri sussidi pubblici.

Il problema più grave, praticamente insoluto, è quello della sicurezza degli impianti nucleari. Nel maggio 2010, lo stesso Veronesi e altri illustri scienziati, tra cui Margherita Hack e Carlo Bernardini, hanno chiesto con una lettera aperta al segretario del Pd Bersani di rivedere la posizione anti-nucleare, sostenendo che il nucleare costituisce una «insostituibile opportunità» per il nostro paese e che «il record di sicurezza degli impianti nucleari non ha paragoni con quello di ogni altra filiera energetica». Ne erano convinti anche coloro che hanno costruito in Giappone, in zone altamente sismiche e soggette allo tsunami, reattori nucleari al plutonio.

http://www.ilmanifesto.it/Quotidiano-archivio/16-Marzo-2011/art11.php3  



Articles Par : Manlio Dinucci

A propos :

Manlio Dinucci est géographe et journaliste. Il a une chronique hebdomadaire “L’art de la guerre” au quotidien italien il manifesto. Parmi ses derniers livres: Geocommunity (en trois tomes) Ed. Zanichelli 2013; Geolaboratorio, Ed. Zanichelli 2014;Se dici guerra…, Ed. Kappa Vu 2014.

Avis de non-responsabilité : Les opinions exprimées dans cet article n'engagent que le ou les auteurs. Le Centre de recherche sur la mondialisation se dégage de toute responsabilité concernant le contenu de cet article et ne sera pas tenu responsable pour des erreurs ou informations incorrectes ou inexactes.

Le Centre de recherche sur la mondialisation (CRM) accorde la permission de reproduire la version intégrale ou des extraits d'articles du site Mondialisation.ca sur des sites de médias alternatifs. La source de l'article, l'adresse url ainsi qu'un hyperlien vers l'article original du CRM doivent être indiqués. Une note de droit d'auteur (copyright) doit également être indiquée.

Pour publier des articles de Mondialisation.ca en format papier ou autre, y compris les sites Internet commerciaux, contactez: [email protected]

Mondialisation.ca contient du matériel protégé par le droit d'auteur, dont le détenteur n'a pas toujours autorisé l’utilisation. Nous mettons ce matériel à la disposition de nos lecteurs en vertu du principe "d'utilisation équitable", dans le but d'améliorer la compréhension des enjeux politiques, économiques et sociaux. Tout le matériel mis en ligne sur ce site est à but non lucratif. Il est mis à la disposition de tous ceux qui s'y intéressent dans le but de faire de la recherche ainsi qu'à des fins éducatives. Si vous désirez utiliser du matériel protégé par le droit d'auteur pour des raisons autres que "l'utilisation équitable", vous devez demander la permission au détenteur du droit d'auteur.

Contact média: [email protected]