La potenza di Roma sui mari

L'arte de la guerra

La portaerei Garibaldi, rimessa a nuovo nell’Arsenale di Taranto, resterà in servizio per almeno altri 7/8 anni. I lavori di ammodernamento, che hanno riguardato la quasi totalità degli impianti e delle strutture della nave, sono costati oltre 10 milioni di euro. Sembra dunque rinviata la vendita della nave all’Angola, il cui governo, in un paese dove circa la metà della popolazione è sotto la soglia di povertà,  aspira a divenire il primo in Africa a possedere una portaerei. Il vero business, nella vendita della Garibaldi, consisterebbe nei contratti che l’acquirente stipulerebbe con aziende italiane per gestire i suoi sofisticati sistemi. La Garibaldi, lunga 180 metri e con un equipaggio di 600 militari, realizzata negli anni Ottanta come portaelicotteri, è divenuta portaerei dieci anni dopo con l’imbarco di caccia Harrier, destinati ad essere sostituiti dai futuri F-35B della nuova portaerei Cavour. La Garibaldi – sottolinea la Marina militare – ha svolto un ruolo fondamentale, quale ammiraglia della flotta, in tutte le principali «missioni internazionali», dalla Somalia alla Jugoslavia, dall’Afghanistan al Libano, fino all’«Operazione Unified Protector» in Libia nel 2011.  Ha contribuito in tal modo a «elevare l’Italia a un rango e ad un prestigio internazionale che prima erano stati appannaggio esclusivo di pochi altri Paesi». La Garibaldi, oggi ammodernata, continua ad essere «un prezioso strumento strategico di elevate capacità operative, in grado di rischierarsi con minimo preavviso».  Per certe operazioni è preferibile alla Cavour, la nuova portaerei con un ponte di volo di 220×34 m e un grande hangar per ospitare sia cacciabombardieri, sia mezzi terrestri da assalto. La Cavour, il cui costo (compresi i futuri F-35) ammonta a 3,5 miliardi di euro, costa 200mila euro al giorno in navigazione e 100mila quando è in porto. Anche per questo, nel 2011, fu  impiegata per i bombardamenti in Libia la Garibaldi, il cui costo giornaliero in navigazione è di 130mila euro, cui si aggiunge quello dei caccia imbarcati che costano circa 10mila euro per ogni ora di volo. Alla guerra contro la Libia parteciparono anche il cacciatorpediniere Andrea Doria, la nave rifornitrice Etna, le navi anfibie San Giusto, San Giorgio e San Marco; più 2 sommergibili, 3 fregate, 5 corvette, 7 pattugliatori. Alcune di queste unità sono state successivamente usate nell’operazione Mare Nostrum, che l’ammiraglio De Giorgi, rivolgendosi agli equipaggi, ha definito «una guerra che stiamo conducendo contro la morte in mare, contro le sciagure che si sono abbattute sui popoli e le genti che voi salvate». Sciagure che si sarebbero in gran parte evitate se l’Italia non avesse partecipato alla demolizione dello Stato libico con la guerra. Per altre guerre si sta attrezzando la Marina militare, la quale «contribuisce alla difesa degli interessi vitali del Paese» nel «Mediterraneo allargato» che, nel quadro della strategia Usa/Nato si estende dall’Atlantico al Mar Nero e, a sud, fino al Golfo persico e all’Oceano Indiano. La nuova flotta, che si sta pianificando grazie ai 6 miliardi di euro garantiti dalla Legge di stabilità e ad altri stanziamenti, avrà come struttura portante la portaerei Cavour, una nuova grande nave da assalto anfibio portaelicotteri che sostituirà la Garibaldi, 10 fregate lanciamissili Fremm realizzate con i fondi del Ministero dello sviluppo economico (8 già finanziate), più una ventina di nuove unità realizzate con stanziamenti ad hoc. Anche se per i lavoratori «il posto fisso non esiste più», come ha annunciato Renzi, gli addetti alla macchina bellica possono stare tranquilli. Il loro futuro è garantito da altre guerre.

Manlio Dinucci

 



Articles Par : Manlio Dinucci

A propos :

Manlio Dinucci est géographe et journaliste. Il a une chronique hebdomadaire “L’art de la guerre” au quotidien italien il manifesto. Parmi ses derniers livres: Geocommunity (en trois tomes) Ed. Zanichelli 2013; Geolaboratorio, Ed. Zanichelli 2014;Se dici guerra…, Ed. Kappa Vu 2014.

Avis de non-responsabilité : Les opinions exprimées dans cet article n'engagent que le ou les auteurs. Le Centre de recherche sur la mondialisation se dégage de toute responsabilité concernant le contenu de cet article et ne sera pas tenu responsable pour des erreurs ou informations incorrectes ou inexactes.

Le Centre de recherche sur la mondialisation (CRM) accorde la permission de reproduire la version intégrale ou des extraits d'articles du site Mondialisation.ca sur des sites de médias alternatifs. La source de l'article, l'adresse url ainsi qu'un hyperlien vers l'article original du CRM doivent être indiqués. Une note de droit d'auteur (copyright) doit également être indiquée.

Pour publier des articles de Mondialisation.ca en format papier ou autre, y compris les sites Internet commerciaux, contactez: [email protected]

Mondialisation.ca contient du matériel protégé par le droit d'auteur, dont le détenteur n'a pas toujours autorisé l’utilisation. Nous mettons ce matériel à la disposition de nos lecteurs en vertu du principe "d'utilisation équitable", dans le but d'améliorer la compréhension des enjeux politiques, économiques et sociaux. Tout le matériel mis en ligne sur ce site est à but non lucratif. Il est mis à la disposition de tous ceux qui s'y intéressent dans le but de faire de la recherche ainsi qu'à des fins éducatives. Si vous désirez utiliser du matériel protégé par le droit d'auteur pour des raisons autres que "l'utilisation équitable", vous devez demander la permission au détenteur du droit d'auteur.

Contact média: [email protected]