Print

L’offensiva della Nato globale
Par Manlio Dinucci
Mondialisation.ca, 05 mai 2015
ilmanifesto.info
Url de l'article:
https://www.mondialisation.ca/loffensiva-della-nato-globale/5448970

L’Organizzazione del Trat­tato del Nord Atlan­tico non ha più con­fini. In Europa – dopo essersi estesa a sette paesi dell’ex Patto di Var­sa­via, tre dell’ex Urss e due della ex Jugo­sla­via (demo­lita con la guerra nel 1999) – sta incor­po­rando l’Ucraina.

Le forze armate di Kiev, che da anni par­te­ci­pano alle ope­ra­zioni Nato in diverse aree (Bal­cani, Afgha­ni­stan, Iraq, Medi­ter­ra­neo, Oceano Indiano), ven­gono sem­pre più inte­grate in quelle dell’Alleanza sotto comando Usa. Il 24 aprile è stato fir­mato un accordo che le inqua­dra di fatto nella rete di comando, con­trollo e comu­ni­ca­zione Nato.

Nel momento stesso in cui il par­la­mento di Kiev approva all’unanimità una legge che esalta come «eroico» il pas­sato nazi­sta dell’Ucraina e, men­tre dichiara «cri­mi­nale» ogni rife­ri­mento al comu­ni­smo met­tendo fuori legge il Pc, defi­ni­sce «com­bat­tenti per l’indipendenza ucraina» i nazi­sti che mas­sa­cra­rono decine di migliaia di ebrei.

In Litua­nia e Polo­nia, la Nato ha schie­rato cac­cia­bom­bar­dieri che «pat­tu­gliano» i cieli delle tre repub­bli­che bal­ti­che, ai limiti dello spa­zio aereo russo: l’Italia, dopo aver gui­dato la «mis­sione» nel primo qua­dri­me­stre 2015, vi resta almeno fino ad ago­sto con 4 cac­cia­bom­bar­dieri Euro­fighter Typhoon. In Asia cen­trale, «regione stra­te­gi­ca­mente impor­tante», la Nato sta incor­po­rando la Geor­gia che, già inte­grata nelle sue ope­ra­zioni, «aspira a dive­nire mem­bro dell’Alleanza». Con­ti­nua inol­tre ad «appro­fon­dire la coo­pe­ra­zione» con Kaza­kh­stan, Kir­ghi­zi­stan, Tagi­ki­stan, Turk­me­ni­stan e Uzbe­ki­stan, per con­tra­stare l’Unione eco­no­mica eura­sia­tica (com­pren­dente Rus­sia, Bie­lo­rus­sia, Kaza­ki­stan, Arme­nia e, da mag­gio, il Kirghizistan).

Resta «pro­fon­da­mente impe­gnata in Afgha­ni­stan» (con­si­de­rato, nella geo­gra­fia impe­riale, parte del «Nord Atlan­tico»), paese di grande impor­tanza geo­stra­te­gica nei con­fronti di Rus­sia e Cina, dove la guerra Nato con­ti­nua con forze spe­ciali, droni e cac­cia­bom­bar­dieri (52 attac­chi aerei solo in marzo).

In Asia occi­den­tale, la Nato pro­se­gue l’operazione mili­tare coperta con­tro la Siria e ne pre­para altre (l’Iran è sem­pre nel mirino), come dimo­stra lo spo­sta­mento a Izmir (Tur­chia) del Lan­d­com, il comando di tutte le forze ter­re­stri dell’Alleanza.

Allo stesso tempo la Nato sta raf­for­zando la part­ner­ship (col­lau­data nella «cam­pa­gna di Libia») con quat­tro monar­chie del Golfo – Bah­rain, Emi­rati Arabi Uniti, Kuwait, Qatar – e la coo­pe­ra­zione mili­tare con l’Arabia Sau­dita che, denun­cia «Human Rights Watch», sta facendo strage nello Yemen con bombe a grap­polo for­nite dagli Usa.

In Asia orien­tale, la Nato ha con­cluso col Giap­pone un accordo stra­te­gico che «allarga e appro­fon­di­sce la lunga part­ner­ship», cui si uni­sce un accordo ana­logo con l’Australia, in fun­zione anti­ci­nese e anti­russa.
Con la stessa fina­lità i mag­giori paesi Nato (tra cui l’Italia) par­te­ci­pano ogni due anni, nel Paci­fico, a quella che il comando della Flotta Usa defi­ni­sce «la mag­giore eser­ci­ta­zione marit­tima del mondo».

In Africa, dopo aver demo­lito la Libia, la Nato sta poten­ziando l’assistenza mili­tare all’Unione afri­cana, cui for­ni­sce anche «pia­ni­fi­ca­zione e tra­sporto aero­na­vale», nel qua­dro stra­te­gico del Comando Africa degli Stati uniti. In Ame­rica Latina, la Nato ha sti­pu­lato un «Accordo sulla sicu­rezza» con la Colom­bia che, già impe­gnata in pro­grammi mili­tari dell’Alleanza (tra cui la for­ma­zione di forze spe­ciali), ne può dive­nire pre­sto partner.

Non ci sarà da stu­pirsi se, tra non molto, l’Italia invierà i suoi cac­cia­bom­bar­dieri a «pat­tu­gliare» i cieli della Colom­bia in una «mis­sione» Nato con­tro il Venezuela.

Manlio Dinucci

Avis de non-responsabilité: Les opinions exprimées dans cet article n'engagent que le ou les auteurs. Le Centre de recherche sur la mondialisation se dégage de toute responsabilité concernant le contenu de cet article et ne sera pas tenu responsable pour des erreurs ou informations incorrectes ou inexactes.