Print

Riconversione armata per Finmeccanica
Par Manlio Dinucci
Mondialisation.ca, 05 mars 2015
ilmanifesto.info
Url de l'article:
https://www.mondialisation.ca/riconversione-armata-per-finmeccanica/5435033

Un vec­chio vizio della sini­stra e dei movi­menti è tenere sepa­rate la lotta per il lavoro e quella con­tro la guerra, men­tre invece sono due facce della stessa meda­glia. Emble­ma­tico il fatto che, quando Fin­mec­ca­nica ha annun­ciato la ven­dita alla giap­po­nese Hita­chi di Ansaldo Sts e Ansaldo Breda, l’attenzione poli­tica e sin­da­cale si è con­cen­trata sulla difesa dell’occupazione, lasciando in ombra la por­tata stra­te­gica della deci­sione: ridurre la pro­du­zione civile per accre­scere quella militare.

Nella clas­si­fica delle 100 mag­giori indu­strie pro­dut­trici di armi redatta dal Sipri, Fin­mec­ca­nica si col­loca al nono posto mon­diale, pre­ce­duta da sei sta­tu­ni­tensi (Lockheed-Martin. Boeing, Ray­theon, Nor­th­rop Grum­man, Gene­ral Dyna­mics, Uni­ted Tech­no­lo­gies), una bri­tan­nica (Bae Systems) e una franco-tedesca-spagnola (Air­bus Group, già Eads). Con la ven­dità di armi, Fin­mec­ca­nica rea­lizza il 50% del suo fat­tu­rato: ciò signi­fica che, accre­scendo tale pro­du­zione, salirà di rango tra le mag­giori indu­strie bel­li­che mondiali.

Tale ope­ra­zione viene effet­tuata ven­dendo a Hita­chi l’Ansaldo Sts, azienda lea­der nei sistemi di segna­la­mento per tra­sporto fer­ro­via­rio e urbano, e Ansaldo Breda, lea­der nella pro­du­zione di mate­riale rota­bile per sistemi fer­ro­viari (com­presi treni ad alta velo­cità) e per tra­sporto urbano (già oltre 1000 con­vo­gli per le metro­po­li­tane di Washing­ton, Los Ange­les, San Fran­ci­sco, Miami e altre grandi città, Milano com­presa). Anche se Hita­chi pro­mette di man­te­nere i livelli occu­pa­zio­nali di que­ste indu­strie (le cui atti­vità pro­dut­tive, pro­ba­bil­mente, saranno in futuro delo­ca­liz­zate in paesi dove il costo del lavoro è infe­riore), resta il fatto che l’Italia dovrà acqui­stare dalla giap­po­nese Hita­chi sistemi di segna­la­mento e mate­riale rota­bile, spen­dendo (con denaro pub­blico) molto di più per i trasporti.

In com­penso Fin­mec­ca­nica accre­scerà fat­tu­rato e pro­fitti pun­tando su indu­strie come la Oto Melara, pro­dut­trice di sistemi d’arma ter­re­stri e navali (tra cui il vei­colo blin­dato Cen­tauro, con potenza di fuoco di un car­rar­mato, e can­noni con muni­zioni gui­date Vul­cano ven­duti a più di 55 marine nel mondo); la Wass, lea­der mon­diale nella pro­du­zione di siluri (tra cui il Black Shark a lunga git­tata); la Mbda, lea­der mon­diale nella pro­du­zione di mis­sili (tra cui quello anti-nave Marte e quello aria-aria Meteor); l’Alenia Aer­mac­chi che, oltre a pro­durre aerei da guerra (come il cac­cia da adde­stra­mento avan­zato M-346 for­nito a Israele), gesti­sce l’impianto Faco di Cameri scelto dal Pen­ta­gono quale polo di manu­ten­zione dei cac­cia F-35 schie­rati in Europa.

La ricon­ver­sione di Fin­mec­ca­nica dal civile al mili­tare, che riduce i posti di lavoro dato che le indu­strie bel­li­che high-tech richie­dono meno addetti, è stata inco­rag­giata dall’attuale e dai pre­ce­denti governi: lo scorso otto­bre, la mini­stra della difesa Pinotti ha pre­sen­ziato alla firma dell’accordo di col­la­bo­ra­zione tra Fin­mec­ca­nica e Fin­can­tieri per la costru­zione di navi da guerra con «l’obiettivo di aumen­tare la com­pe­ti­ti­vità sui mer­cati nazio­nali ed esteri».

Sul mer­cato ita­liano ci pensa il governo ad assi­cu­rare la «com­pe­ti­ti­vità»: la «Legge di sta­bi­lità» stan­zia 6 miliardi di euro per la costru­zione di altre navi da guerra e il Mini­stero dello svi­luppo eco­no­mico ha già finan­ziato 8 delle 10 fre­gate lan­cia­mis­sili Fremm. Altro denaro pub­blico che si aggiunge alla spesa mili­tare: 52 milioni di euro al giorno secondo la Nato, 67 secondo il Sipri. Sem­pre il governo pro­muove l’export mili­tare, die­tro il para­vento del «Trat­tato sul com­mer­cio di arma­menti» che l’Italia ha solen­ne­mente firmato.

Manlio Dinucci

Avis de non-responsabilité: Les opinions exprimées dans cet article n'engagent que le ou les auteurs. Le Centre de recherche sur la mondialisation se dégage de toute responsabilité concernant le contenu de cet article et ne sera pas tenu responsable pour des erreurs ou informations incorrectes ou inexactes.