Print

Ritornano i missili a Comiso?
Par Manlio Dinucci
Mondialisation.ca, 16 juin 2015
ilmanifesto.info
Url de l'article:
https://www.mondialisation.ca/ritornano-i-missili-a-comiso/5456015

Il pre­si­dente Obama e la can­cel­liera Mer­kel, incon­tran­dosi a quat­troc­chi prima del G7, hanno riba­dito che man­ter­ranno le san­zioni con­tro la Rus­sia. Obama però, appena arri­vato in Baviera, aveva dichia­rato che «biso­gna con­tra­stare con fer­mezza l’aggressione all’Ucraina», lasciando inten­dere che con­tro la Rus­sia si devono pren­dere misure non solo economiche.

Esi­ste quindi una agenda segreta che Obama ha por­tato al G7, in par­ti­co­lare ai mag­giori alleati Nato (Ger­ma­nia, Fran­cia, Gran Bre­ta­gna, Ita­lia) che ne fanno parte? Quale potrebbe essere si deduce dalle dichia­ra­zioni rila­sciate a Washng­ton il 5 giu­gno, due giorni prima del G7, da fun­zio­nari del Pen­ta­gono, ripor­tate dall’Agence France-Presse.

Essi hanno dichia­rato che «gli Stati uniti stanno con­si­de­rando una serie di mosse per con­tra­stare la vio­la­zione del Trat­tato sulle armi nucleari da parte della Rus­sia, tra cui il poten­zia­mento delle difese mis­si­li­sti­che o anche lo spie­ga­mento in Europa di mis­sili con base a terra». Ossia di mis­sili nucleari come quelli schie­rati dagli Usa in Europa durante la guerra fredda: i Per­shing 2 bali­stici, in Ger­ma­nia, e i Toma­hawk (mis­sili da cro­ciera) lan­ciati da terra, in Ita­lia a Comiso. Mis­sili che sono stati eli­mi­nati, insieme agli SS-20 bali­stici schie­rati in Urss, dal Trat­tato sulle forze nucleari inter­me­die fir­mato da Usa e Urss nel 1987. Esso proi­bi­sce lo schie­ra­mento di mis­sili con git­tata com­presa tra 500 e 5500 km.

Washing­ton accusa Mosca di aver spe­ri­men­tato un mis­sile da cro­ciera di que­sta cate­go­ria. Mosca, a sua volta, accusa Washing­ton di instal­lare in Polo­nia e Roma­nia rampe di lan­cio di mis­sili inter­cet­tori (quelli dello «scudo»), che pos­sono essere usate per lan­ciare mis­sili Toma­hawk a testata nucleare. Va inol­tre con­si­de­rato che gli Stati uniti man­ten­gono in Ger­ma­nia, Ita­lia, Bel­gio, Olanda e Tur­chia circa 200 bombe nucleari B-61, che si aggiun­gono alle oltre 500 testate fran­cesi e bri­tan­ni­che pronte al lan­cio. In Ita­lia, vio­lando il Trat­tato di non-proliferazione, ve ne sono 70–90 ad Aviano e Ghedi-Torre.

Ma ce ne potreb­bero essere di più, anche in altri siti e a bordo delle navi Usa. Le B-61 saranno tra­sfor­mate, tra non molto, da bombe a caduta libera in bombe «intel­li­genti» B61-12 che potranno essere sgan­ciate a grande distanza dall’obiettivo. In Ita­lia, nel 2013 e 2014, si è svolta la Stea­d­fast Noon (Mez­zo­giorno riso­luto), l’esercitazione Nato di guerra nucleare, a cui l’anno scorso hanno par­te­ci­pato anche F-16 polacchi.

Washing­ton riba­di­sce che «la Nato resterà una alleanza nucleare» e che, «anche se la Nato si accor­dasse con la Rus­sia per una ridu­zione delle armi nucleari in Europa, avremmo sem­pre l’esigenza di com­ple­tare il pro­gramma della B61-12».

La pos­si­bi­lità che ora ven­gano di nuovo schie­rati in Ita­lia mis­sili nucleari Usa con base a terra, non è così remota. Il colon­nello Sowers, por­ta­voce del Pen­ta­gono, ha dichia­rato che «l’Amministrazione Obama sta con­si­de­rando una gamma di poten­ziali rispo­ste mili­tari alla Rus­sia, tutte dirette ad assi­cu­rare che essa non acqui­sti alcun signi­fi­ca­tivo van­tag­gio mili­tare». Tali «opzioni», com­presa quella dell’«installazione di mis­sili con base a terra in Europa», sono state «discusse a una riu­nione di alti uffi­ciali e diplo­ma­tici con­vo­cata il 5 giu­gno a Stoc­carda, in Ger­ma­nia, dal segre­ta­rio Usa alla difesa Ash­ton Carter».

Vor­remmo sapere dal pre­si­dente del Con­si­glio Renzi, appena rien­trato dalla Ger­ma­nia, se sa qual­cosa sulla riu­nione con­vo­cata a Stoc­carda dal capo del Pen­ta­gono, a cui hanno par­te­ci­pato pro­ba­bil­mente anche alti uffi­ciali e diplo­ma­tici ita­liani. O se dob­biamo atten­dere il comu­ni­cato con cui il Pen­ta­gono annun­cia l’installazione di mis­sili nucleari in Italia.

Manlio Dinucci

il manifesto Edizione del 09.06.15

Avis de non-responsabilité: Les opinions exprimées dans cet article n'engagent que le ou les auteurs. Le Centre de recherche sur la mondialisation se dégage de toute responsabilité concernant le contenu de cet article et ne sera pas tenu responsable pour des erreurs ou informations incorrectes ou inexactes.