Star Wars dalla fiction alla realtà

L’arte della guerra

Nell’immaginario collettivo le armi spaziali sono quelle dei film di fantascienza della serie «Star Wars». Non ci si accorge, perché sui media quasi nessuno ne parla, che sono divenute reali. La corsa agli armamenti, compresi quelli nucleari, si è da tempo estesa dalla Terra allo spazio. In testa sono gli Stati uniti, che puntano sempre più al controllo militare dello spazio.

La neosegretaria della U.S. Air Force, Heather Wilson, subito dopo aver assunto l’incarico, annuncia il 16 giugno la riorganizzazione del quartier generale per potenziare le operazioni spaziali integrandole ancor più in quelle dell’Aeronautica. Scopo dichiarato: «Organizzare e addestrare forze in grado di prevalere in qualsiasi futuro conflitto che possa estendersi allo spazio». Responsabile dei sistemi spaziali militari è il Comando strategico (StratCom), che allo stesso tempo è responsabile delle armi nucleari e delle cyber-armi. «Abbiamo superiori forze spaziali e cyber-spaziali che sono fondamentali per lo stile di guerra americano in ogni teatro in tutto il globo», scrive lo scorso febbraio il generale John Hyten, comandante dello StratCom, sottolineando che «le nostre forze nucleari sono sicure e pronte in qualsiasi momento» e che «se la deterrenza dovesse fallire, siamo pronti a usarle».

Per gli strateghi del Pentagono, detenere la superiorità nello spazio significa avere la capacità di attaccare un avversario militarmente forte, paralizzare le sue difese, colpirlo anche con armi nucleari e, nel caso sia anch’esso dotato di tali armi, neutralizzare la sua risposta. A tal fine armi nucleari, sistemi spaziali e cyber-armi vengono integrate dal Pentagono nella «intera gamma delle capacità globali di attacco», sia sulla terra che nello spazio.

Il 7 maggio, dopo essere stato 718 giorni in orbita attorno alla Terra, è atterrato a Cape Canaveral lo shuttle robotico X-37B della U.S. Air Force, in grado di manovrare nello spazio e rientrare alla base autonomamente. Lo X-37B, alla sua quarta missione «top secret» nello spazio, serve probabilmente (secondo il parere dei maggiori esperti) a sperimentare armi per distruggere i satelliti avversari e «accecare» in tal modo il nemico al momento in cui esso viene attaccato. Sono allo stesso tempo in fase di sviluppo armi laser, già testate dalla nave USS Ponce nel Golfo Persico. La Lockheed Martin ha comunicato il 16 marzo di aver messo a punto un potente laser, che tra qualche mese sarà installato su uno speciale autoveicolo dello U.S. Army per una serie di test. Sempre in marzo, il generale Brad Webb ha dichiarato che, entro l’anno, un aereo AC-130 sarà armato di laser per attacchi a obiettivi terrestri. Il 3 aprile, scienziati della Macquarie University hanno annunciato di aver creato in laboratorio un superlaser, simile a quello della «Morte Nera» di Star Wars, per future applicazioni spaziali.

In questo settore gli Stati uniti sono in vantaggio, ma, come avviene per ogni altro sistema d’arma, altri paesi, soprattutto Russia e Cina, stanno sviluppando analoghe tecnologie militari. Nel 2008 Mosca e Pechino hanno proposto un accordo internazionale per impedire lo spiegamento di armi nello spazio, ma prima l’amministrazione Bush, poi quella Obama si sono rifiutate di aprire una trattativa in tal senso.

Così, mentre alle Nazioni Unite si svolge il negoziato per la proibizione giuridica delle armi nucleari (al quale non partecipano le potenze nucleari né i paesi Nato, tra cui l’Italia), si accelera sotto spinta Usa la corsa alla militarizzazione dello spazio funzionale alla preparazione della guerra nucleare.

Manlio Dinucci



Articles Par : Manlio Dinucci

A propos :

Manlio Dinucci est géographe et journaliste. Il a une chronique hebdomadaire “L’art de la guerre” au quotidien italien il manifesto. Parmi ses derniers livres: Geocommunity (en trois tomes) Ed. Zanichelli 2013; Geolaboratorio, Ed. Zanichelli 2014;Se dici guerra…, Ed. Kappa Vu 2014.

Avis de non-responsabilité : Les opinions exprimées dans cet article n'engagent que le ou les auteurs. Le Centre de recherche sur la mondialisation se dégage de toute responsabilité concernant le contenu de cet article et ne sera pas tenu responsable pour des erreurs ou informations incorrectes ou inexactes.

Le Centre de recherche sur la mondialisation (CRM) accorde la permission de reproduire la version intégrale ou des extraits d'articles du site Mondialisation.ca sur des sites de médias alternatifs. La source de l'article, l'adresse url ainsi qu'un hyperlien vers l'article original du CRM doivent être indiqués. Une note de droit d'auteur (copyright) doit également être indiquée.

Pour publier des articles de Mondialisation.ca en format papier ou autre, y compris les sites Internet commerciaux, contactez: [email protected]

Mondialisation.ca contient du matériel protégé par le droit d'auteur, dont le détenteur n'a pas toujours autorisé l’utilisation. Nous mettons ce matériel à la disposition de nos lecteurs en vertu du principe "d'utilisation équitable", dans le but d'améliorer la compréhension des enjeux politiques, économiques et sociaux. Tout le matériel mis en ligne sur ce site est à but non lucratif. Il est mis à la disposition de tous ceux qui s'y intéressent dans le but de faire de la recherche ainsi qu'à des fins éducatives. Si vous désirez utiliser du matériel protégé par le droit d'auteur pour des raisons autres que "l'utilisation équitable", vous devez demander la permission au détenteur du droit d'auteur.

Contact média: [email protected]