Print

Trident Juncture 2015. La Nato prepara altre guerre
Par Tomasso Di Francesco et Manlio Dinucci
Mondialisation.ca, 07 octobre 2015
ilmanifesto.info 3 octobre 2015
Url de l'article:
https://www.mondialisation.ca/trident-juncture-2015-la-nato-prepara-altre-guerre/5480470

Trident Juncture 2015. Al via oggi la più grande esercitazione dalla caduta del Muro di Berlino. In Italia, Spagna e Portogallo. 36 mila uomini, 60 navi e 200 aerei da guerra. Più l’Ucraina

Prende il via oggi in Ita­lia, Spa­gna e Por­to­gallo, dopo due anni di pre­pa­ra­zione, la Tri­dent Junc­ture 2015 (TJ15), una delle più grandi eser­ci­ta­zioni Nato. Vi par­te­ci­pano oltre 230 unità ter­re­stri, aeree e navali e forze per le ope­ra­zioni spe­ciali di 28 paesi alleati e 7 part­ner, con 36 mila uomini, oltre 60 navi e 200 aerei da guerra, anzi­tutto cac­cia­bom­bar­dieri a duplice capa­cità con­ven­zio­nale e nucleare.

La prima fase (3–16 otto­bre) testerà la capa­cità stra­te­gica e ope­ra­tiva dei comandi Nato; la seconda (21 ottobre-6 novem­bre) si svol­gerà «dal vivo» con l’impiego delle unità mili­tari. La TJ15, annun­cia un comu­ni­cato uffi­ciale, «dimo­strerà il nuovo accre­sciuto livello di ambi­zione della Nato nel con­durre la moderna guerra con­giunta». Dimo­strerà in par­ti­co­lare «la capa­cità della Forza di rispo­sta della Nato nel pia­ni­fi­care, pre­pa­rare, dispie­gare e soste­nere forze nelle ope­ra­zioni di rispo­sta alle crisi non pre­vi­ste dall’articolo 5, al di fuori del ter­ri­to­rio dell’Alleanza».

Quale sia il rag­gio d’azione della «Grande Nato», che dal Nord Atlan­tico è arri­vata sulle mon­ta­gne afghane e mira oltre, lo dimo­stra il fatto che alla Tri­dent Junc­ture 2015 par­te­cipa l’Australia. Signi­fi­ca­tivo è che vi prenda parte anche l’Ucraina, paese che la Nato sta ormai incor­po­rando, dopo essersi estesa a sette paesi dell’ex Patto di Var­sa­via, tre dell’ex Urss e due della ex Jugo­sla­via (demo­lita con la guerra nel 1999). Gli altri paesi non-Nato par­te­ci­panti alla TJ15 sono Austria, Sve­zia, Fin­lan­dia, Bosnia-Erzegovina e Mace­do­nia. Nell’esercitazione, la Nato coin­volge alcune orga­niz­za­zioni e agen­zie inter­na­zio­nali (come la Croce Rossa e la Usaid). Si sco­pre così una «Nato uma­ni­ta­ria», impe­gnata nel «man­te­ni­mento della pace»: il segre­ta­rio gene­rale Stol­ten­berg, il 28 set­tem­bre a New York, ha assi­cu­rato che «la Nato è pronta ad appog­giare le Nazioni Unite per ren­dere le sue ope­ra­zioni di pea­ce­kee­ping più sicure ed efficaci».

Coin­volta la Ue

Par­te­cipa alla prima fase della TJ15 anche l’Unione euro­pea. Il coin­vol­gi­mento della Ue nella grande eser­ci­ta­zione di guerra della Nato riporta in primo piano la que­stione poli­tica di fondo. L’art. 42 del Trat­tato sull’Unione euro­pea sta­bi­li­sce che «la poli­tica dell’Unione rispetta gli obbli­ghi di alcuni Stati mem­bri, i quali riten­gono che la loro difesa comune si rea­lizzi tra­mite l’Organizzazione del Trat­tato del Nord Atlan­tico». Poi­ché sono mem­bri della Alleanza 22 dei 28 paesi dell’Unione euro­pea, è evi­dente il pre­do­mi­nio della Nato.

Inol­tre, il pro­to­collo n. 10 sulla coo­pe­ra­zione isti­tuita dall’art. 42 sot­to­li­nea che la Nato «resta il fon­da­mento della difesa col­let­tiva» della Ue, e che «un ruolo più forte dell’Unione in mate­ria di sicu­rezza e di difesa con­tri­buirà alla vita­lità di un’Alleanza atlan­tica rin­no­vata». Rin­no­vata sì, ma rigi­da­mente anco­rata alla vec­chia gerar­chia: il Coman­dante supremo alleato in Europa è sem­pre nomi­nato dal pre­si­dente degli Stati uniti e sono in mano agli Usa tutti gli altri comandi chiave.

Tra­mite la Nato, al cui interno i governi dell’Est sono legati più a Washing­ton che a Bru­xel­les, gli Usa influi­scono non solo sulla poli­tica estera e mili­tare della Ue, ma com­ples­si­va­mente sui suoi indi­rizzi poli­tici ed eco­no­mici. Sono così riu­sciti a tra­sfor­mare l’Europa in prima linea di una nuova guerra fredda, che si sta allar­gando alla regione Asia/Pacifico, con­ti­nuando allo spesso tempo a usarla come ponte di lan­cio delle ope­ra­zioni mili­tari Usa/Nato in Medio­riente e Africa. Con la col­la­bo­ra­zione delle oli­gar­chie poli­ti­che ed eco­no­mi­che euro­pee che, pur in con­cor­renza con quelle sta­tu­ni­tensi e anche l’una con l’altra, con­ver­gono (pur a dif­fe­renti livelli) quando si tratta di difen­dere l’«ordine eco­no­mico mon­diale» domi­nato dall’Occidente, oggi messo in discus­sione dai Brics e altri paesi emergenti.

La fedeltà italiana

In tale qua­dro l’Italia con­ti­nua a distin­guersi per la sua subal­ter­nità agli Stati uniti e quindi per la sua «fedeltà atlan­tica». Riguardo alla Tri­dent Junc­ture 2015, comu­nica il governo, «sin dal 2013 l’Italia aveva anti­ci­pato all’Alleanza una prima offerta di assetti, basi e poli­goni»: il cen­tro di Pog­gio Rena­tico (Fer­rara), il primo dive­nuto ope­ra­tivo del nuovo Sistema di comando e con­trollo aereo Nato, che potrà lan­ciare ope­ra­zioni di guerra aerea in un’area di oltre 10 milioni di km qua­drati, dall’Europa orien­tale all’Asia e all’Africa; e, per il dispie­ga­mento delle forze aeree, «le basi di Tra­pani, Deci­mo­mannu, Pra­tica di Mare, Pisa, Amen­dola e Sigo­nella». Par­te­ci­pano alla TJ15 anche le navi impe­gnate nell’esercitazione «Mare Aperto» e unità dell’esercito inviate a Capo Teu­lada (Sar­de­gna), in Spa­gna e Portogallo.

Il governo nega il coin­vol­gi­mento del Joint Force Com­mand di Napoli (con uno staff di 800 mili­tari al quar­tier gene­rale di Lago Patria), in quanto la TJ15 è gui­data dal Joint Force Com­mand di Bruns­sum (Olanda). Scon­fes­sato dalla stessa Nato: il comando Nato di Napoli – diretto dall’ammiraglio Usa Fer­gu­son che è anche coman­dante delle Forze navali Usa in Europa, delle Forze navali Usa del Comando Africa e delle Forze Nato in Kosovo – svolge nel 2015 il ruolo di comando ope­ra­tivo della «Forza di rispo­sta» (40mila effet­tivi) che viene testata nella Tri­dent Juncture.

Nel 2016 il comando pas­serà a Bruns­sum, alter­nan­dosi annual­mente con Napoli.

Con le indu­strie della difesa

Dul­cis in fundo, la Nato annun­cia che ha «invi­tato quest’anno alla Tri­dent Junc­ture, per la prima volta, un gran numero di indu­strie della difesa per­ché, par­te­ci­pando all’esercitazione, tro­vino solu­zioni tec­no­lo­gi­che per acce­le­rare l’innovazione mili­tare». La Tri­dent Junc­ture 2015, il cui costo è segreto ma sicu­ra­mente ammonta a miliardi di dol­lari, pre­para così altre enormi spese per l’acquisto di arma­menti. Il tutto pagato con denaro pub­blico, ossia diret­ta­mente e indi­ret­ta­mente dai cittadini.

Tomasso Di Francesco

Manlio Dinucci

 

 

Avis de non-responsabilité: Les opinions exprimées dans cet article n'engagent que le ou les auteurs. Le Centre de recherche sur la mondialisation se dégage de toute responsabilité concernant le contenu de cet article et ne sera pas tenu responsable pour des erreurs ou informations incorrectes ou inexactes.