Verso la conquista dell’Africa: l’AFRICOM del Pentagono e la guerra contro la Libia

 Global Research, 7 aprile 2011
Life Week Magazine (Cina) – 01 04 2011

Nota di Global Research

Quello che segue è la trascrizione in inglese dell’intervista di Mahdi Darius Nazemroaya con Life Week, una importante rivista cinese di Pechino. Nazemroaya è stato intervistato da Xu Jingjing per un articolo di Life Week su AFRICOM e laLibia, il 1 aprile 2011. L’articolo del 2008 citato da Xu Jingjing è “The Mediterranean Union: Dividing the Middle East and North Africa” di Nazemroaya.

XU JINGJING: Secondo la vostra analisi, qual è il ruolo di AFRICOM nell’intervento militare in Libia? Qual è la sua capacità?

NAZEMROAYA: In realtà, AFRICOM è ancora molto attaccato e dipendente da EUCOM in molti aspetti. Sarà attraverso questo intervento militare libico e le operazioni militari future, che deriveranno da questa guerra contro la Libia, che AFRICOM riuscirà a garantire ulteriormente la sua indipendenza da EUCOM. Ma voglio essere chiaro. Questo non significa che AFRICOM non ha alcun ruolo in Nord Africa, perché ha un ruolo sul terreno e credo che è stato attivamente coinvolto nel sostenere i combattenti ora contrari al colonnello Gheddafi in Libia.
Il ruolo AFRICOM è attualmente nascosto o latente. E’ EUCOM, il comando operativo militare USA  basato in Europa, che attualmente dirige le operazioni contro i libici. EUCOM si sovrappone anche alla NATO e EUCOM e NATO hanno gli stessi comandanti militari, come l’ammiraglio James Stavridis.

Parecchi giorni fa, ho ascoltato l’ammiraglio Stravridis parlare alla Commissione Forze Armate del Senato degli Stati Uniti e ha messo in chiaro che l’Operazione ‘Alba dell’Odissea’ è diretta dall’Europa e che l’esercito degli Stati Uniti avrà sempre il controllo della campagna militare contro la Libia. Ha anche contraddetto il portavoce ufficiale  della NATO, dicendo che c’era una possibilità che le truppe della NATO avrebbe potuto atterrare in Libia per “operazioni di stabilizzazione”.

Tornando al ruolo di AFRICOM, ho detto che il ruolo attuale di AFRICOM è nascosto o latente. Mentre i combattimenti in Libia continuano, il ruolo di AFRICOM diventerà più chiara, più importante e più visibile.

AFRICOM è stata coinvolta nel lavoro di intelligence per quanto riguarda la Libia. Quando all’ammiraglio Stravridis è stato chiesto, da parte della Commissione Forze Armate del Senato degli Stati Uniti del ruolo di al-Qaida nel Consiglio di transizione di Bengasi, lui rispose automaticamente che il comandante di AFRICOM, il generale Carter Ham, potrebbe rispondere a questa domanda. Ciò indica che sul fronte dell’intelligence e, eventualmente, nell’addestramento dei ribelli, è AFRICOM ad essere responsabile e molto più coinvolto sul terreno in Libia.

XU JINGJING: AFRICOM non ha truppe e non ha sede neanche in Africa. Qual è la sua missione principale e obiezione? Come valutate la sua decisione di accrescere l’influenza degli Stati Uniti in Africa?

NAZEMROAYA: Come ho già detto in precedenza, AFRICOM è ancora aggregato a EUCOM.  Le sue capacità in un certo senso sono nominali. Sarà attraverso la campagna militare contro la Libia e gli anni di instabilità che infesteranno l’Africa dopo questa guerra, che AFRICOM si consoliderà come un comando militare operativo separato.

Il principale obiettivo di AFRICOM è quello di assicurare il continente africano agli Stati Uniti e ai loro alleati. La sua missione è quella di contribuire a un nuovo ordine coloniale in Africa, che gli Stati Uniti e i suoi alleati stanno cercando di stabilire. Per molti versi, questo è ciò che l’intervento militare in Libia significa. La recente Conferenza di Londra sulla Libia, può anche essere paragonata alla Conferenza di Berlino del 1884. La differenza è che nel 2011 gli Stati Uniti erano al tavolo e, più importante, guidano gli altri partecipanti nella spartizione di Libia e Africa.

XU JINGJING: quanto è importante una strategia africana per gli Stati Uniti?  Come valutate l’influenza degli Stati Uniti in Africa, ora? Quali sono gli ostacoli principali per gli Stati Uniti, nell’espandere la loro influenza?

NAZEMROAYA: Certo, la Repubblica popolare di Cina ed i suoi alleati, giocano un ruolo fondamentale nel rispondere a questa domanda. Gli Stati Uniti e i loro alleati non sono solo formulano una nuova strategia per mantenere e rafforzare il loro controllo sull’Africa, ma stanno lavorando anche per spingere la Cina ed i suoi alleati, fuori dall’Africa. Gli Stati Uniti e molte potenze dell’Unione europea guardano nervosamente la Cina negli ultimi anni. La Cina sta aprendo una breccia importante in Africa, e la Cina è, in Africa, un rivale strategico ed economico importante e una sfida per gli Stati Uniti e l’Europa occidentale.

Inoltre la Cina ed i suoi alleati costituiranno uno degli ostacoli alla strategia degli Stati Uniti per controllare l’Africa. Neanche il popolo d’Africa può essere dimenticato, perché svolgerà un ruolo molto importante nel resistere agli Stati Uniti e all’UE, sul lungo termine.
Anche mentre parliamo ci sono proteste nell’Africa sub-sahariana, che non molte persone  dell’emisfero settentrionale neanche discutono o conoscono. In Senegal e in altre parti dell’Africa occidentale ci sono state proteste. In Africa centrale ci sono state proteste. Mentre le proteste nel mondo arabo sono guardate e riferite intensamente, le proteste di questi popoli sono per lo più ignorate.

XU JINGJING: Quali sono stati i cambiamenti della politica americana in Africa negli ultimi 20 anni? Quali sono state le motivazioni principali per questi mutamenti?

NAZEMROAYA: Ci sono molti modi di esaminare la politica estera degli Stati Uniti in Africa negli ultimi due decenni. Possiamo vedere un periodo di rivalità con le antiche potenze coloniali, come la Francia, ma quello che penso sia importante notare è che la politica estera degli Stati Uniti, in Africa, ha lavorato in modo crescente per l’espulsione della Cina. Ancora una volta, le motivazioni di ciò sono l’ascesa della Cina e la sua crescente influenza in Africa.

Non si può ignorare la Cina quando si parla di Africa. Tutto questo ha comportato nell’attuale dimensione della cooperazione tra Washington e la Francia e le antiche potenze coloniali. Stanno lavorando insieme per assicurarsi il continente africano nella loro sfera di influenza collettiva e per l’espulsione della Cina. Alla fine dei conti, questo è ciò per cui è stato creato AFRICOM.

XU JINGJING: In uno dei suoi articoli, si parla dei piani francesi sulla formazione di una Unione Mediterranea. Nella sua analisi, perché la Francia è sempre attivo in questa regione?

NAZEMROAYA: Parigi è sempre stata attiva in Africa, a causa della sua vicinanza al continente e della sua storia coloniale in Africa. Furono i francese che controllavano il più grande impero coloniale in Africa. È anche per questo che, a un certo punto, la Francia, con il sostegno di Belgio e Germania, è stato un rivale importante di Stati Uniti e Gran Bretagna in Africa. Questo sembra essere cambiato mentre Parigi e i suoi partner più stretti hanno armonizzato i propri interessi con quelli di Stati Uniti e Gran Bretagna.

Mi fa piacere che abbiate sollevato la questione dell’Unione per il Mediterraneo o “Unione del Mediterraneo“, come è stato ribattezzato più tardi, in una battuta da relazioni pubbliche. L’articolo che avete citato è stato effettivamente pubblicato dal North Africa Times diversi anni fa, che credo sia di proprietà libica. Quando il North Africa Times ha pubblicato l’articolo, hanno tolto la sezione in cui ho citato Zbigniew Brzezinski, l’ex consigliere per la sicurezza nazionale dell’Amministrazione Carter, sui piani di lunga data per formare una Unione per il Mediterraneo, e ciò che essa avrebbe comportato.

L’Unione per il Mediterraneo è un’entità politica, economica e di sicurezza. E’ inoltre integrata a livello militare dal Dialogo Mediterraneo della NATO. Gli eventi che conducono alla dichiarazione formale dell’Unione per il Mediterraneo, seguono gli stessi modelli che sono stati utilizzati per ampliare l’Unione europea e la NATO in Europa orientale.

L’Unione del Mediterraneo ha lo scopo di radicare il Mediterraneo e il mondo arabo nell’orbita di Washington e dell’Unione europea. E’ anche una testa di ponte in Africa. Il progetto prevede l’integrazione economica, privatizzazioni massicce e l’armonizzazione delle politiche. Si tratta di un progetto coloniale e serve a controllare e sfruttare i serbatoi di manodopera nel Sud del Mediterraneo, a vantaggio dell’Unione europea. In futuro, questo può essere utilizzato per sconvolgere il mercato del lavoro in Asia e in altre regioni.  Inoltre, è attraverso l’Unione Mediterranea che le leggi sull’immigrazione e i il rifugiati sono utilizzato per gestire l’afflusso di persone provenienti dal Nord Africa, dove sono stati creati. L’Unione europea si aspettava questi eventi e i suoi membri, l’hanno detto in modo chiaro quando hanno fatto queste leggi.

XU JINGJING: Qual’è la sua analisi sulle azioni degli Stati Uniti e dell’alleanza militare nei primi dieci giorni di guerra in Libia?

NAZEMROAYA: Le azioni nei primi dieci giorni di guerra non sono mai state destinate a proteggere i civili. Le operazioni militari sono state di natura offensiva e un mezzo per indebolire la Libia come stato indipendente. Ho detto prima che ho ascoltato la testimonianza dell’ammiraglio Stavridis al Comitato per le forze armate del Senato degli Stati Uniti a Washington, e vorrei riferirlo di nuovo. In udienza, sia l’ammiraglio Stavridis che il senatore McCain hanno involontariamente affermato che le sanzioni e le no fly zone non servono a nulla. Questo è molto profonda. Se queste azioni non producono nulla, allora perché gli USA spingono per essere imposte ai libici? La risposta è che l’operazione non è di carattere umanitaria, è un atto di aggressione allo scopo di aprire la porta, in Libia e in Africa, a un nuovo progetto coloniale.

Traduzione di Alessandro Lattanzio

Mahdi Darius Nazemroaya specialista sul Medio Oriente e Asia Centrale. È un ricercatore associato presso il Centre for Research on Globalization (CRG).



Articles Par : Mahdi Darius Nazemroaya

A propos :

An award-winning author and geopolitical analyst, Mahdi Darius Nazemroaya is the author of The Globalization of NATO (Clarity Press) and a forthcoming book The War on Libya and the Re-Colonization of Africa. He has also contributed to several other books ranging from cultural critique to international relations. He is a Sociologist and Research Associate at the Centre for Research on Globalization (CRG), a contributor at the Strategic Culture Foundation (SCF), Moscow, and a member of the Scientific Committee of Geopolitica, Italy.

Avis de non-responsabilité : Les opinions exprimées dans cet article n'engagent que le ou les auteurs. Le Centre de recherche sur la mondialisation se dégage de toute responsabilité concernant le contenu de cet article et ne sera pas tenu responsable pour des erreurs ou informations incorrectes ou inexactes.

Le Centre de recherche sur la mondialisation (CRM) accorde la permission de reproduire la version intégrale ou des extraits d'articles du site Mondialisation.ca sur des sites de médias alternatifs. La source de l'article, l'adresse url ainsi qu'un hyperlien vers l'article original du CRM doivent être indiqués. Une note de droit d'auteur (copyright) doit également être indiquée.

Pour publier des articles de Mondialisation.ca en format papier ou autre, y compris les sites Internet commerciaux, contactez: [email protected]

Mondialisation.ca contient du matériel protégé par le droit d'auteur, dont le détenteur n'a pas toujours autorisé l’utilisation. Nous mettons ce matériel à la disposition de nos lecteurs en vertu du principe "d'utilisation équitable", dans le but d'améliorer la compréhension des enjeux politiques, économiques et sociaux. Tout le matériel mis en ligne sur ce site est à but non lucratif. Il est mis à la disposition de tous ceux qui s'y intéressent dans le but de faire de la recherche ainsi qu'à des fins éducatives. Si vous désirez utiliser du matériel protégé par le droit d'auteur pour des raisons autres que "l'utilisation équitable", vous devez demander la permission au détenteur du droit d'auteur.

Contact média: [email protected]