Verso l’Italia le nuove atomiche Usa

Guerra. Stanno per arrivare sul territorio italiano le nuove bombe nucleari statunitensi B61-12, che sostituiscono le precedenti B61. La B61-12, ha una potenza media di 50 kiloton (circa il quadruplo della bomba di Hiroshima). Lo conferma da Washington l’autorevole Federazione degli scienziati americani

Stanno per arri­vare in Ita­lia le nuove bombe nucleari sta­tu­ni­tensi B61-12, che sosti­tui­scono le pre­ce­denti B61. Lo con­ferma auto­re­vol­mente da Washing­ton, con prove docu­men­tate, la Fede­ra­zione degli scien­ziati ame­ri­cani (Fas). Lo scien­ziato nucleare Hans Kri­sten­sen, diret­tore del Nuclear Infor­ma­tion Pro­jectalla Fas, scrive che è in corso a tale scopo l’upgrade della base della U.S. Air Force ad Aviano (Por­de­none) e di quella di Ghedi Torre (Brescia).

Lo prova una foto satel­li­tare, che mostra la costru­zione ad Aviano di una dop­pia bar­riera attorno a 12 bun­ker con coper­tura a volta, dove gli F-16C/Ds della 31stFighter Wing Usa sono pronti al decollo con le bombe nucleari.

Foto satellitare dell’upgrade della base di Aviano, 12 luglio 2015 © Federazione degli scienziati americani

Ana­lo­ghi pre­pa­ra­tivi sono in corso nella base aerea tede­sca di Buchel, dove si stanno ristrut­tu­rando le piste, dotan­dole di nuove stru­men­ta­zioni: docu­menti del Pen­ta­gono, citati dalla tele­vi­sione pub­blica tede­sca Zdf, mostrano che la base sta per rice­vere le nuove bombe nucleari B61-12. Lo stesso – docu­menta la Fas – avviene nella base aerea turca di Incir­lic, dove sono in corso lavori per raf­for­zare «l’area Nato» dotata di 21 bun­ker, che acco­glierà le nuove bombe nucleari. Si stanno raf­for­zando anche le basi nucleari in Bel­gio e Olanda, in attesa della B61-12, testata lo scorso luglio nel poli­gono di Tono­pah in Nevada, dove si svol­ge­ranno entro l’anno gli altri due test neces­sari per la messa a punto della bomba.

Non si sa quante B61-12 sarannno schie­rate in Europa e Turchia.

Secondo le ultime stime della Fas, gli Usa man­ten­gono oggi 70 bombe nucleari B61 in Ita­lia (50 ad Aviano e 20 a Ghedi), 50 in Tur­chia, 20 rispet­ti­va­mente in Ger­ma­nia, Bel­gio e Olanda, per un totale di 180. Nes­suno sa però con esat­tezza quante effet­ti­va­mente siano: ad Aviano, ad esem­pio, ci sono 18 bun­ker in grado di stoc­carne oltre 70.

Tan­to­meno si sa quante bombe nucleari si tro­vino a bordo delle por­tae­rei Usa nei porti e nelle acque ter­ri­to­riali euro­pee. Il pro­gramma del Pen­ta­gono pre­vede la costru­zione di 400–500 B61-12, con un costo di 8–12 miliardi di dol­lari. Impor­tante non è però solo l’aspetto quantitativo.

Inter­vi­stato dalla Zdf, Hans Kri­sten­sen con­ferma quanto scri­viamo da anni (vedi il mani­fe­sto, 23 aprile 2013): quella che arri­verà tra non molto in Ita­lia e in altri paesi euro­pei, non è una sem­plice ver­sione ammo­der­nata della B61, ma una nuova arma nucleare poli­va­lente, che sosti­tuirà le bombe B61-3, –4, –7, –10 nell’attuale arse­nale nucleare Usa.

La B61-12, con una potenza media di 50 kilo­ton (circa il qua­dru­plo della bomba di Hiro­shima), svol­gerà quindi la fun­zione di più bombe, com­prese quelle pene­tranti pro­get­tate per «deca­pi­tare» il paese nemico, distrug­gendo i bun­ker dei cen­tri di comando e altre strut­ture sot­ter­ra­nee in un first strike nucleare. A dif­fe­renza delle B61 sgan­ciate in ver­ti­cale sull’obiettivo, le B61-12 ven­gono sgan­ciate a grande distanza (circa 100 km) e si diri­gono verso l’obiettivo gui­date da un sistema satel­li­tare. Si can­cella così, in gran parte, la dif­fe­renza tra armi nucleari stra­te­gi­che a lungo rag­gio e armi tat­ti­che a corto raggio.

Nell’intervista alla Zdf, il diret­tore del Nuclear Infor­ma­tion Pro­ject della Fas dichiara che gli alleati euro­pei (Ita­lia com­presa), con­sul­tati da Washing­ton, hanno appro­vato lo schie­ra­mento in Europa delle bombe nucleari Usa B61-12. Anche la Ger­ma­nia, nono­stante che il Bun­de­stag avesse deciso nel 2009 che gli Usa riti­ras­sero tutte le loro armi nucleari dal ter­ri­to­rio tedesco.

L’ex sot­to­se­gre­ta­rio di Stato tede­sco Willy Wim­mer (già por­ta­voce per la Difesa nella Cdu, lo stesso par­tito della can­cel­liera Mer­kel, la quale ha igno­rato la deci­sione del Bun­de­stag), ha dichia­rato che lo schie­ra­mento delle nuove bombe nucleari Usa in Ger­ma­nia costi­tui­sce «una con­sa­pe­vole pro­vo­ca­zione con­tro il nostro vicino russo». Non c’è quindi da stu­pirsi che la Rus­sia prenda delle contromisure.

Ale­xan­der Neu, par­la­men­tare di Die Linke, ha denun­ciato che la pre­senza dell’arsenale nucleare Usa in Ger­ma­nia viola il Trat­tato di non-proliferazione delle armi nucleari. Ciò vale anche per l’Italia.

Gli Stati uniti, quale Stato in pos­sesso di armi nucleari, sono obbli­gati dal Trat­tato a non tra­sfe­rirle ad altri (Art. 1). Ita­lia, Ger­ma­nia, Bel­gio, Olanda e Tur­chia, quali stati non-nucleari, hanno l’obbligo di non rice­verle da chic­ches­sia (Art. 2). Per di più, nel 1999, gli alleati euro­pei fir­ma­rono un accordo (sot­to­scritto dal pre­mier D’Alema senza sot­to­porlo al Par­la­mento) sulla «pia­ni­fi­ca­zione nucleare col­let­tiva» della Nato, in cui si sta­bi­li­sce che «l’Alleanza con­ser­verà forze nucleari ade­guate in Europa».

Hans Kri­sten­sen con­ferma, inol­tre, che a Ghedi Torre sono stoc­cate le bombe nucleari Usa «per i Tor­nado ita­liani». Piloti ita­liani, ana­lo­ga­mente a quelli degli altri paesi che ospi­tano tali bombe, ven­gono adde­strati all’attacco nucleare sotto comando Usa. Non a caso l’esercitazione Nato di guerra nucleare, la Stea­d­fast Noon, si è svolta nel 2013 ad Aviano e nel 2014 a Ghedi-Torre. A quest’ultima hanno par­te­ci­pato anche cac­cia­bom­bar­dieri F-16 polacchi.

Poi­ché a for­nire le bombe nucleari ci pen­sano gli Usa, i paesi che le ospi­tano si accol­lano (per i due terzi o total­mente) le spese per il man­te­ni­mento e l’upgrade delle basi. Paghiamo così, anche eco­no­mi­ca­mente, la «sicu­rezza» che ci foni­scono gli Usa schie­rando in Europa le loro armi nucleari.

Manlio Dinucci



Articles Par : Manlio Dinucci

A propos :

Manlio Dinucci est géographe et journaliste. Il a une chronique hebdomadaire “L’art de la guerre” au quotidien italien il manifesto. Parmi ses derniers livres: Geocommunity (en trois tomes) Ed. Zanichelli 2013; Geolaboratorio, Ed. Zanichelli 2014;Se dici guerra…, Ed. Kappa Vu 2014.

Avis de non-responsabilité : Les opinions exprimées dans cet article n'engagent que le ou les auteurs. Le Centre de recherche sur la mondialisation se dégage de toute responsabilité concernant le contenu de cet article et ne sera pas tenu responsable pour des erreurs ou informations incorrectes ou inexactes.

Le Centre de recherche sur la mondialisation (CRM) accorde la permission de reproduire la version intégrale ou des extraits d'articles du site Mondialisation.ca sur des sites de médias alternatifs. La source de l'article, l'adresse url ainsi qu'un hyperlien vers l'article original du CRM doivent être indiqués. Une note de droit d'auteur (copyright) doit également être indiquée.

Pour publier des articles de Mondialisation.ca en format papier ou autre, y compris les sites Internet commerciaux, contactez: [email protected]

Mondialisation.ca contient du matériel protégé par le droit d'auteur, dont le détenteur n'a pas toujours autorisé l’utilisation. Nous mettons ce matériel à la disposition de nos lecteurs en vertu du principe "d'utilisation équitable", dans le but d'améliorer la compréhension des enjeux politiques, économiques et sociaux. Tout le matériel mis en ligne sur ce site est à but non lucratif. Il est mis à la disposition de tous ceux qui s'y intéressent dans le but de faire de la recherche ainsi qu'à des fins éducatives. Si vous désirez utiliser du matériel protégé par le droit d'auteur pour des raisons autres que "l'utilisation équitable", vous devez demander la permission au détenteur du droit d'auteur.

Contact média: [email protected]